europa

My Threads

Blogs

  1. Stati Uniti d'Eurocheeee?!?!?! (di Franco Marino)

    Da molti anni si sussurra di Stati Uniti d'Europa e alle prossime elezioni europee ci sarà la lista omonima promossa da Renzi e dalla Bonino, che conterrà tanto per intenderci tutta una serie di microscopiche liste, a partire da Italia Viva fino ad arrivare al Partito Socialista (Bettino, perdona loro perché non sanno quel che fanno) +Europa (il partito di oggi di Emma Bonino) e ai soliti radicali (il partito di ieri di Emma Bonino).
    Questa lista non poteva che nascere in Italia per la...
    Questa accozzaglia di nazioni chiamata Unione Europea non è che una parodia di qualcosa di molto più alto e nobile, che nascerà soltanto dalle macerie putrefatte di questo schifo.
    E il tuo pregevole articolo lo spiega alla perfezione!
     
    Sto per scrivere una cosa politicamente molto scorretta.
    Negli anni '80 le BR individuarono nelle istituzioni (politici, magistrati, dirigenti di aziende statali etc...) il nemico cui dare forti segnali.
    Oggi abbiamo tutti (o perlomeno quelli con due, dicasi due, neuroni funzionanti) la consapevolezza che la quasi totalità dei giornalai da quattro soldi delle tv e dei giornali mainstream abbiano venduto l'anima al diavolo (la questione Covid ci ha tolto definitivamente i minimi dubbi che potevamo avere).
    Perché non assistiamo a nessun forte segnale nei loro confronti?
    Può bastare il fatto che oggi tra telecamere poste ovunque e celle telefoniche che fungono da spie si abbia la quasi certezza di non passarla franca a differenza degli anni '80?
    Possibile che non ci sia neppure un Robin Hood, uno eh, che dia un segnale di esistenza in vita?
    Si sono imborghesiti tutti perdendo qualsiasi ideale?
    Sono domande che mi faccio da tempo senza riuscire a darmi una risposta convincente
     
    Il tuo discorso in teoria sarebbe anche condivisibile ma, a mio modesto avviso, parte da un baco di fondo: la convinzione che il Robin Hood abbia bisogno che non ci siano le celle telefoniche e le telecamere, per farsi strada.
    Un mio amico, purtroppo prematuramente scomparso per un tumore anni fa, era una spia dei servizi russi e mi diceva che il modo migliore per nascondersi è farlo alla luce del sole, in mezzo alla folla. Il problema è che gran parte del popolo non vuole risvegliarsi. Mentre Robin Hood si faceva forza di un popolo in miseria, il nostro è un popolo che ha ancora cose da perdere.
    Se si accumulassero 100.000 e 200.000 arrabbiati, non ci sarebbe telecamera o cella telefonica che possa fermarli. Una volta che hai fotografato e intercettato qualche centinaio di migliaia di incazzati e questi vengono ad aprirti il culo a casa, le foto e le cimici te le fai fritte in padella.
    E' proprio il popolo che deve accendersi, prima ancora di spegnere le telecamere.
     
    Giustissimo Franco, il popolo è in catalessi. Quoto al 1000%.
    Ma non pensi che ci voglia qualcuno che accenda la miccia per far sì che la catalessi termini e si passi in 1000,10000,100000 a fare le cose che hai descritto?
    Perché non c'è più un'anima viva disposta ad accendere la miccia?
     
    Qualche rivolta in Francia e in Spagna l’ho vista
    Noi purtroppo non siamo capaci… non so il perché
    Troppe persone ancora incapaci di vedere la realtà
     
    Ormai è risaputo, Spinelli uno dei padri fondatori dell'unione europea andava a battere cassa dagli antesignani della cia. Inoltre scriveva che l'unione europea per nascere aveva bisogno di una forte tensione e di una guerra da farsi contro l'unione sovietica, da farsi al momento opportuno.
     
  2. La retorica dell'Europa cattiva

    Destre scorreggione e professionisti del presenzialismo filorusso attaccano Ursula von der Leyen, rea di addossare agli Stati Uniti d'America le colpe della Kommissione. La frase incriminata è la seguente «L'Unione europea perde 300 miliardi di euro di risparmi europei che vengono trasferiti all'estero ogni anno, principalmente negli Stati Uniti. Questi sono i soldi di cui hanno bisogno le nostre imprese, e ciò mina la nostra competitività». La Presidente della Kommissione europea...
  3. Zio Adolfo, in arte liquidatore dell'Europa

    Su X (Twitter), torme di mattonisti, elmi prussiani, neocarolingi e nostalgici vari, la maggior parte dei quali fieri putiniani, festeggiano il centotrentacinquesimo compleanno del loro Mito, il baffetto austriaco, colui che con le sue mosse improvvide contribuì liquidare l'Europa, a renderla una mera espressione geografica appendice di Washington. Del nazionalsocialismo, a conti fatti un vero e proprio asset dell'Anglosfera, condanno anzitutto le sciocchezze concettuali (un Impero...
  4. Razzaccia

    Il popolo eletto, può fare tutto.
    Il popolo eletto puoi scatenare conflitti.
    Il popolo eletto può condurci alla fine del mondo...
    Lo stesso mondo creato da chi si dice lì abbia definiti eletti, così eletti che uccisero il figlio dei fiori, che si aggirava per la Palestina dicendo che non era figlio di Peppe ma di uno più famoso.
    Lo stesso popolo eletto, che elegge il capo di ogni nazione, così tanto eletto, che per eliminare i meno puri di loro, inventarono il terzo reich, con conseguenti...
  5. Il (lo) (s)governo della tizia della Garbatella sta per compiere l'ulteriore tradimento verso gli italiani... Eh già su richiesta del "ce lo chiede l'europa" sembra che abbiano intenzione di avviare la riforma delgi estimi catastali che andrà ad incidere pesantemente sul valore degli immobili.
    La novità di questo provvedimento è che sarà il fisco a determinare quali saranno i metri quadri non tassabile e quali sì anche nelle prime case.
    In sostanza vogliono decidere loro quanti metri di...
    • Like
    • Love
    Reactions: GiuseppeTuD, SarettaNola, Gabriella and 12 others
  6. Schiavi del rock & roll

    La colpa è di chi ha sempre sognato e creduto l'america come solo rock & roll, gli inglesi come Beatles e lady D, e i francesi come baguette e tour eiffeil....
    Ma questo bel pensiero ci sta conducendo ad una guerra per seguire questi stati. Che nessuno sottolinea sono da sempre guerrafondai e colonialisti, gli usa, da dopo aver terminato gli indiani (non essendo di origine ebraica nessuno lì ricorda) hanno sempre fatto guerre dalla secessione a ogni angolo del mondo per esportare il loro...
  7. Verso le europee con orizzonti orgogliosamente limitati (di Franco Marino)

    Le elezioni europee sono vicine e sono molto più importanti di quanto si creda. Tanto per cominciare, le decisioni che impattano sul nostro quotidiano, si prendono in Europa. La follia del green deal per esempio, contro cui mi batto sin da quando si è iniziato a parlarne, è un tema che occuperà i prossimi 15-20 anni ed è nato istituzionalmente in Europa. E al tempo stesso, tutte le varie norme che stanno mettendo in ginocchio l'agricoltura europea, anch'esse sono prese a Bruxelles...
    È sempre stato il mio sistema di vita: prima i miei interessi, confermo : pensare ai fatti degli altri, politicamente parlando, non porta a nulla e non serve. Sono d'accordo sul Green Deal anche perché sono tornata da un paio di paesi dell'Africa mediterranea e di "green" non ho visto neppure le piante, coperte da strati di sozza materia inquinante.🤣🤣🤣
     
  8. IL FINE ULTIMO

    meloni-todde.jpg


    Si sono da poco concluse le elezioni regionali in Sardegna e, in quanto cittadino cagliaritano, non posso esimermi dal fare alcune considerazioni in merito.


    Prima di tutto vediamo i due contendenti: Paolo Truzzu, sindaco di Cagliari (Fratelli d'Italia), e Alessandra Todde (PD+M5S).


    Il sottoscritto aveva pensato all'inizio di votare, per inerzia,Paolo Truzzu. Il perché è presto detto. Chi scrive in passato ha militato attivamente per decenni nella galassia della Destra...
  9. Scoppola

    Perdere nonostante avere contro, un avvocato assassino e una demente dal Rolex da botteghe osure..
    Quando, qualche stolto, scrive "cresciuta a pane e Tolkien" dicendo l'ennesima cazzata, la signora è cresciuta a pane e senso di rivalsa verso il mondo, a pane e senso di odio verso il padre che l'ha abbandonata in tenera età, pur di arrivare a affermare che avrebbe comandato, e dimostrare a tutti che una figlia di borgata può diventare il numero uno in Italia, avrebbe venduto il suo passato...
  10. Equilibrio

    Io non sono un esperto, anzi diciamo che non capisco una beata minchia, ma voglio esprime il mio parere, un parere nullo ma visto che tutti sparano minchiate, ci metto pure la mia. La caduta del muro di Berlino, cosa per la quale il mondo festeggio', fu l'inizio di un declino lento e studiato, che ci ha portato inesorabilmente alla situazione attuale, ovvero il caos tra le nazioni, dove l'egemonia è dei potenti (banche, petroli, litio, etc) non intesi come Stati, anche se viene mascherato...
  11. Trump parla il crudo linguaggio della verità (di Franco Marino)

    Ho ascoltato poco e niente l'intervista a Putin, dove peraltro il leader russo - a parte la storiografia pro domo sua e l'inevitabile propaganda - non ha detto niente di interessante, almeno per chi di un politico osserva le azioni e, delle parole, i sottintesi. In guerra funziona come in amore: vince chi ha una certa cosa più lunga delle altre. E non è la lingua. C'è da dire anche che Tucker Carlson, il suo intervistatore, è stato molto meno efficace di quanto sia stato Oliver Stone, che...
    Si, nella schiettezza del discorso c'è l'amara continuazione della politica estera americana nei confronti dell'Europa dell'ultimo decennio: vi comandiamo noi, MA ci mettete la faccia (uk), spendete (UE che scorpora spese militari dal debito chiamandola difesa), vi armate (Germania e ITA), rischiate l'invasione (Polonia e Baltici) e vi fate maciullare (Ucraina) VOI PER NOI.
     
  12. L'imbroglio delle due Americhe.

    "Delinquenti i Paesi Nato che non pagano, incoraggerei la Russia ad attaccarli."
    Le parole di Donald Trump, colui che nel 2019 impose dazi per danneggiare il nostro export di prodotti lattiero caseari, confermano che il nemico è l'America in quanto tale, al netto delle differenze destra-sinistra. Solamente gli ingenui e i veltroniani credono nell'esistenza di due Americhe. D'accordo, il cittadino statunitense repubblicano conservatore e isolazionista e il cittadino statunitense...
  13. Servi nuovi

    In Germania scioperano, si ribellano perché non hanno i vantaggi economici di prima. Tutti ovviamente pensiamo, che bravi sti tedeschi di gemmania, sono un popolo che sa fare protesta, giustamente sono un po' più intraprendenti di noi. Però cercate di leggere tra le righe, perché codesti uomini nordici protestano, e il loro governo non li può favorire? Perché il loro governo non è più forte come prima, poiché non è più il numero uno per gli americani in Europa, adesso grazie ad un abile...
  14. L'Euro: 25 anni di illogicità (di Franco Marino)

    Ieri sera ho violentato me stesso. E prima che qualcuno immagini la raccapricciante scena del sottoscritto che cerca, come un contorsionista, di stuprarsi da solo, è giusto chiarire a cosa mi riferissi: ho ascoltato il discorso di Mattarella. E a parte dolermi - ma lo faccio ogni anno - della differenza, non tanto dei contenuti quanto della forma, che, per esempio, distingue i discorsi del gemello separato alla nascita della Segre da quelli di Putin, ho notato l'ennesimo appello all'unità...
    Mattarella e tutta la compagnia europeista io ormai non lo so se ci sono o ci fanno quando dicono ste cose alla gente. Le popolazioni sono 25 anni che ci bestemmiano sopra
    E questo per restare giusto sul discorso pratico , della qualità della vita quotidiana della gente
    Figurarsi sul come e a quale scopo è nato. Su cui come sempre hai perfettamente esplicitato
     
  15. Napoleon

    Dopo alcuni dubbi, sono andato anch'io a vedere l'ultimo film di Ridley Scott, e l'impressione finale è stata: poteva andare molto peggio.

    A lungo sono rimasto diviso fra due motivazioni altrettanto forti sia pro che contro: intanto Napoleone è uno dei miei eroi, su cui non faccio che leggere sin dai quattordici anni (e ne ho anche scritto: un romanzo su Waterloo, naturalmente rimasto non pubblicato, quindi non chiedetemi dove trovarlo), e un film fatto con un bel budget è un'occasione...​
  16. TRAGEDIE PIU' UGUALI DELLE ALTRE

    tragedie.jpeg


    Fino a una decina d'anni fa il sottoscritto, come milioni di altri simili, era straconvinto che la Storia (con la "S" maiuscola) fosse quella veicolata dai testi scolastici e dai media mainstream come, per esempio, History Channel o Quark.


    Poi, grazie a Dio, col tempo ho fatto mio il consiglio evangelico per il quale l'Uomo dovrebbe approcciarsi alla realtà circostante candido come una colomba ma anche astuto come una serpe.


    E quindi, basandomi unicamente sulla logica e...
    E condivido anche le virgole! Ho lavorato in Oriente per un pò e sono capitata in Cambogia. Chi mai ha parlato di questo popolo? Sì, chi ha la mia età qualcosa ha letto, udito negli anni '70, ma poi? Ed é là, in quei posti, in quegli edifici di tortura, guardando il poster di una rappresentazione geografica della Cambogia composta da teschi che mi sono posta la stessa domanda che ti sei fatto. Ho tradotto un libro, non il solito straziante racconto, ma la testimonianza diretta di un ingegnere, scritta con obiettività e freddezza, interessante da un punto di vista storico. L'ho proposto a parecchie case editrici che mi hanno risposto papale papale che non essendo un testo sull'olocausto ebraico non avrebbe avuto successo. Su Cecchettin mi astengo. L'obiettivo della spettacolarizzazione condita da propaganda è pateticamente scontato
     
  17. Forza Wilders ovvero cosa significa la vittoria della destra in Olanda...

    Quando si è consapevoli di vivere in un regime, a cui sono sottomessi tutti i media mainstream, l'osservatore che voglia davvero capire cosa sia successo dietro l'apparenza di un evento, deve semplicemente leggere tutti i media e partire dal presupposto che le cose stanno all'opposto. Così quando ho letto della vittoria di Wilders - considerato "il leader dell'estrema destra olandese, quasi una sorta di Hitler/Mussolini che però magari indossa i sandali di Zenden - ho capito che dovevo...
    Complimenti. Sei uno dei pochi (almeno di quelli che io conosco) che hanno individuato la vera ragione della vittoria di Wilders.
    Un saluto da Bucharest dove mi hanno convinta a venire (Romania belllississima mi hanno detto), dove le auto sono quasi tutte Mercedes, BMW, Audi, dove le luminarie di Natale coprono interi viali ed edifici, dove le signore girano in pelliccia, dove i negozi sono pieni di gente e puzza di soldi ovunque. Io guardo incazzata dove sono finiti i miei soldi di 3 furti in casa (imputati a bande rumene) e a 2 furti di amici (sempre loro secondo la polizia).
     
    Bene, bel segnale, eppur da sovranista italiano mi preoccupa, e molto, una cosa: le destre della sfera germanica prendono i voti di quelli che ancora credono che l'Italia anziché contribuente sia debitore dell'UE e che molte delle tasse che pagano siano gettate in un'ipotetica fogna sud europea. Ora, se questo significasse che fan crollare il tutto mi auspicherei il loro 90% ma, vuoi vedere che essendo in orbita tedesca, di comando in UE e non essendo, rispetto all'Italia paese manifatturiero al primo ecofin e senza vaselina, ottengono due piccioni con una fava: niente allentamento delle regole deficit/PIL per l'Italia e deroga solo per i paesi più piccoli, come l'Olanda, del green deal? Son contento per gli olandesi, scelta consapevole ma, starei molto attento da italiano: l'Europa, l'UE è una congrega di congiurati, l'unico modo per evitare le pugnalate sarebbe uscirne.
     
  18. Senza parole

    La notizia è dello scorso luglio, ma apprendo solo ora che alcuni Paesi nord-europei in cui si parla più diffusamente inglese stanno cercando di limitarne l'uso. Olanda, Finlandia, Danimarca e Norvegia, in cui sino ad oggi è stato possibile seguire interi corsi di studi universitari interamente in inglese, hanno in diversa maniera avanzato proposte per limitare questa possibilità e affiancarla all'uso delle rispettive lingue nazionali.

    Il tema è di quelli che mi hanno sempre...​
  19. PESTO ALLA PALESTINESE

    mortaio e pestello.jpg


    Ogni giorno sui social veniamo bombardati (è proprio il caso di dirlo!) dalle cruente immagini provenienti dalla Palestina. Chiunque possa definirsi un essere umano diverso dalle bestie non riuscirà a resistere più di qualche secondo alla visione di corpi straziati, maciullati e sanguinanti appartenenti per lo più a bambini e ragazzi.


    Ovviamente non siamo nati ieri e sappiamo benissimo che è da centinaia d'anni che la propaganda è un'arma fondamentale per ogni nazione che...
  20. In difesa di Halloween

    Anche quest'anno la vigilia di Ognissanti è passata, portandosi via le intemerate e gli anatemi di molti miei contatti, virtuali e reali, contro non tanto la festività in sé, quanto la sua celebrazione hic et nunc. In genere si tratta di cattolici, che trattano la ricorrenza come qualcosa di satanico, atto ad adorare o richiamare presenze malefiche in questo mondo, oppure colpevole di mettere in ombra le nostre tradizioni a favore di una importata da un contesto protestante. Altri...​
    Tra l'altro, ti dirò di più a margine di questo eccellente articolo. Io importerei volentieri una festa americana che mi piacerebbe che ci fosse anche in Italia, che è il Ringraziamento. Che comunque ha anche connessioni col cattolicesimo.
     
Top